Ciao e ben trovato!

Eccoci con il primo di quella che sarà una lunga serie di articoli al riguardo della lubrificazione del tuo motore o macchinario.

Oggi ti voglio parlare di un tema estremamente importante. Infatti, risponderemo ad una domanda da 1 milione di dollari, ossia:

Cosa fa invecchiare in anticipo il tuo motore?

Però, prima di svelare la risposta a questo quesito, è opportuno fare una breve premessa.

Il tuo motore o macchinario è fatto di metallo e quindi potresti essere portato a pensare che sia praticamente inattaccabile dall’azione del tempo (d’altronde mica gli spuntano le rughe…).

Tuttavia la realtà è molto diversa dato che il motore è comunque soggetto all’azione del tempo e questo indipendentemente da come venga manutenzionato e conservato.

Vediamo quindi alcuni dei fattori che lo fanno “invecchiare”; questi sono:

  • La naturale usura legata all’utilizzo;
  • L’età di esercizio (quindi il numero complessivo di ore di lavoro o di chilometri percorsi);
  • Il tipo di utilizzo;
  • L’ambiente in cui lavora il motore.

Approfondiamoli assieme.

Prima di continuare con la lettura, se lo preferisci, puoi guardare 2 brevi video dove Mentore Giorgetti -l’ideatore di Analisi Olio Motore – ti condurrà alla scoperta di questi fattori che fanno invecchiare in anticipo anticipo il tuo motore. Li torvi qui sotto!

Se invece preferisci leggere continua qui sotto…

 

La naturale usura legata all’utilizzo

Ogni volta che metti in moto il tuo mezzo o macchinario, i suoi organi interni si mettono al lavoro ed iniziano a “girare” o a scorrere l’uno sull’altro.

Quando questi organi sono in movimento, generano degli attriti che, per quanto possano venire attenuati dalla presenza del lubrificante, sono comunque presenti in ciascun motore.

Il risultato di questi attriti sarà la generazione di micro particelle di metallo oltre ad un impoverimento di quelle che sono le caratteristiche dell’olio lubrificante.

Se queste caratteristiche vengono modificate oltre la soglia di tolleranza prima che il lubrificante venga sostituito, allora la generazione di micro particelle di metallo aumenterà drasticamente e di conseguenza aumenterà la velocità di usura.

 

L’età di esercizio

Ogni motore ha un suo naturale ciclo vitale ma, a differenza degli organismi viventi, questo non ha una “data di scadenza”. Infatti un motore può durare per pochi anni oppure per interi decenni.

Quello che fa la differenza è proprio quanto e come quello specifico motore sia stato utilizzato.

Quello che intendo è che un macchinario che lavora per poche ore al giorno avrà un’usura decisamente inferiore rispetto ad un altro che è operativo 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Quello che li differenzia è dunque il tempo di lavoro; maggiore sarà, più alti saranno i naturali tassi di usura legati all’utilizzo.

Per farti un esempio, puoi pensare con quale frequenza viene revisionato (quindi non semplicemente manutenzionato) o magari anche sostituito il motore di un auto d’epoca a confronto con quello di un camion dedicato al trasporto merci.

 

Il tipo di utilizzo

Ciascun motore dovrebbe essere utilizzato rispettando lo scopo per il quale è stato progettato.

Ci sono dei mezzi pensati appositamente per lavorare in condizioni di stress molto elevate e per lunghi periodi ed altri che possono tollerare lo stesso tipo di stress per intervalli decisamente più brevi.

Se hai un’auto di piccola cilindrata studiata per gli spostamenti in città, usarla come se fosse un’auto da competizione non farà bene alla salute del motore che si usurerà o si danneggerà a causa dell’utilizzo improprio.

Per questo motivo, il tipo di utilizzo che fai del tuo motore o macchinario deve rispecchiare (per quanto possibile) quello per cui è stato progettato.

 

L’ambiente in cui lavora il motore

Anche qui, come per il punto precedente, bisogna tenere in considerazione le caratteristiche di progettazione per le quali è stato realizzato il motore.

Un mezzo da lavoro, quale potrebbe essere un trattore, è stato pensato appositamente per operare in ambienti sporchi e polverosi.

Allo stesso modo, anche il motore di una barca è soggetto alla presenza di elementi ambientali differenti rispetto a quelli che si trova ad affrontare il motore di un’automobile.

Forse non lo sai ma molti motori installati sulle imbarcazioni sono di derivazione stradale e poi vengono marinizzati in modo da poter essere montati sulle barche.

I fattori esterni legati all’ambiente in cui viene impiegato un mezzo, incidono molto sulla sua resa e sulle condizioni che possono portare ad una usura precoce o alla verificazione di un danno.

 

Bene, ora che abbiamo visto alcuni dei fattori principali che possono causare un invecchiamento precoce del tuo macchinario, potresti pensare che non ce ne siano altri che possano intaccare la sua funzionalità…

Ma non è così!

Vedi, ho lasciato il peggiore, il più fetente di tutti per ultimo; sto parlando dei:

 

Contaminanti!

La presenza di contaminanti all’interno del tuo motore è senza dubbio alcuno il singolo e più devastante fattore che causerà un invecchiamento precoce del tuo motore!

Io li paragono ai virus che possono aggredire il corpo umano dato che, proprio come farebbe un virus, se non vengono rimossi, possono innescare dei processi degenerativi nel tuo motore (esattamente come farebbero delle malattie nel tuo corpo).

Vuoi sapere quali sono questi contaminanti? È presto detto! I principali sono:

  • Le micro particelle metalliche (che abbiamo già visto prima),
  • L’acqua,
  • Il combustibile
  • Ed i residui carboniosi di combustione (noti anche come fuliggine e morchia)

Nei prossimi articoli avremo modo di conoscerli a fondo singolarmente… per adesso ti basti sapere che, una volta entrati nel tuo motore, questi possono causare dei danni devastanti, oltre ad aumentare drasticamente la velocità di usura dei vari organi interni del macchinario.

Non devi assolutamente sottovalutarli dato che l’88% dell’usura dei macchinari è riconducibile alla contaminazione provocata da contaminanti liquidi e solidi.

Adesso che sai quali sono le principali cause di “invecchiamento” del tuo motore potresti voler sapere se esiste una soluzione per tenerle monitorate in modo da evitare un’usura precoce.

 

L’elisir di lunga vita per il tuo motore

Ok, non è un elisir vero e proprio (dato che non puoi farlo “ingerire” al tuo motore)… però è una soluzione che ti permetterà di:

  • Allungare la vita di esercizio del motore
  • Evitare avarie improvvise
  • Aumentare l’efficienza del macchinario

Sto parlando delle analisi dell’olio del motore!

Non so se hai già avuto modo di leggere la pagina Perché eseguire le analisi dell’olio del tuo motore (se non lo hai fatto ti consiglio di non perdere tempo e di farlo subito) ma questo tipo di controllo è davvero fantastico!

Se vogliamo fare un parallelo con il corpo umano, questo controllo equivale alle analisi del sangue del tuo motore.

Grazie alle informazioni che otterrai, potrai prendere una serie di decisioni che ti permetteranno di combattere l’usura del tuo macchinario prima che questa degeneri in un danno, oltre ad ottenere i risultati che ti ho elencato poco fa.

Se vuoi saperne di più al riguardo, clicca adesso sul tasto che trovi qui sotto

Alla salute del tuo motore!

Tuo Oily